le piante della salina



L’ambiente della salina è caratterizzato da acque ad elevata salinità. La flora è rappresentata da una vasta varietà di specie suddivise in arbustive e in erbacee, molte delle quali hanno adottato diverse strategie per poter sopravvivere in un ambiente così estremo.

Salicornia

Le salicornie presenti in Salina appartengono a diverse specie e ad un occhio poco esperto possono apparire molto simili tra loro. Rigidamente protetta, la salicornia veneta, pianta annuale, spicca per la sua intensa colorazione rossastra. La famiglia delle Chenopodiaceae, di cui fanno parte queste piante, ha sviluppato un meccanismo particolare di difesa alla salinità, che consiste nell’accumulo del sale all’interno dei vacuoli cellulari.

Tamerice

La tamerice è un piccolo alberello dal portamento arbustivo, ben adattato anche agli ambienti salini. Presenta fronde vaporose, formate da piccole foglie squamiformi. I fiorii lilla, violacei o rosacei, sono piumosi e riuniti in spighe sottili. Queste piante sopravvivono all’elevata salinità eliminando il sale in eccesso attraverso cellule specializzate, localizzate prevalentemente nelle foglie.

Limonio

La maggior parte delle specie attribuite a questo genere sono piante erbacee perenni, alte da 10 a 70 cm. Le foglie, raccolte in rosette basali, sono semplici, intere o lobate e la loro grandezza varia a seconda della specie. I fiori sono riuniti in infiorescenze vistose, di colore rosa, purpureo o violetto. In Salina sono presenti diverse specie, come il Limonium serotinum (limonio comune), e il Limonium densissimum, che è particolarmente raro e protetto. Come la tamerice, il limonio è provvisto di cellule secretrici che eliminano il sale, localizzate sia sulle foglie che sui fusti.